venerdì 4 febbraio 2011

Facebook e la privacy.


Da un paio di giorni sono cambiate (ancora!) le impostazioni di Facebook per la privacy dei suoi utenti.
Non mi chiedete di entrare nello specifico perché non so di preciso cosa sia successo e cosa si debba fare per poter ancora commentare le fan page, gli stati altrui e via dicendo.
Quello su cui io mi vorrei soffermare sono i messaggini simpatici che ti manda FB per proteggere la tua privacy e quella dei tuoi amici.

"Ricorda di risistemare le impostazioni sulla privacy del tuo account!"
"Facebook ti protegge da eventuali attacchi indesiderati"
"Non permettere a tutti di vedere le tue foto"

E altre boiate del genere che non so se mi fanno più ridere o deprimermi.
I concetti Facebook e Privacy sono tesi e antitesi, bianco e nero, cotto e mangiato, lo Yin e lo Yang insomma! Come potete mettermi queste due parole nella stessa frase e non essere presi per scemi?
Ma allora, se non per far sapere i fattacci miei al mondo e farmi i fattacci degli altri, perché diavolo mi dovrei iscrivere a Facebook?
E, di grazia, quel nerd di Mark Zuccone non ha forse inventato questa multimilionaria stronzata per farsi i cavoli amari di quella (scema) che l' ha mollato?
Che senso ha iscriversi a FB e poi tenere foto private che puoi vedere soltanto tu perché tra i tuoi amici hai mamma, papà, nonna e zio e non vuoi svelargli che quello che loro credono un santo prossimo al paradiso è il realtà il figlio segreto di Ozzy Osbourne?
A che serve registrarsi al sito amico se poi sulla tua bacheca nessuno può spammarti le cazzate che scrive sul suo blog?
Perché allora dovresti essere uno degli otto milioni di miliardi (si, più della popolazione globale perché -ammettetelo- alcuni di voi hanno fino a 18 profili) di rincretiniti che passano la giornata sul FB e poi nessuno si può fare i fatti tuoi?
Interi drammi si sono consumati sulle pagine di FB, tradimenti meschini e sfrontati sono stati fatti e stragi sono state commesse in seguito ad una semplice foto pubblicata, amicizie sono finite e amori sono sbocciati, rivolte sono state compiute e personaggi nuovi sono stati creati grazie al passaparola che -ovviamente- non sa nemmeno che cosa vuol dire la parola Privacy!!!
Facebook è un cortile, un passaparola, un luogo in cui scambiare opinioni e se io volontariamente pubblico le foto del mio ultimo viaggio a Timbuctù con Timon e Pumba è semplicemente perché voglio che gli altri le vedano se no non avrei motivo di ravanarmi le bambole in attesa di una notifica, in attesa di una visita.
Se io volontariamente divento fan di una pagina è ovvio che voglio poter commentare una foto o uno stato! Non divento fan di Robilandia solo perché me l' ha chiesto il cielo!!!
Di grazia, Facebook, sito amico e compagno di lunghe giornate, non mandarmi più messaggini su come proteggere la mia privacy perché l' unico modo per proteggerla è NON ISCRIVERSI AFFATTO!!

Ma quattro anni fa, prima dell' avvento della FB-mania in Italia, che diavolo facevamo tutto il giorno????

Privatamente vostra, R.

Visto che siamo in tema vi ricordo di chiedere l' amicizia a Robilandia!!!

2 commenti:

  1. Ahahah fantastico!

    RispondiElimina
  2. prima c'era 2.0 ahahahahahah..
    hai ragione, proprio ragione!

    RispondiElimina

Dimmi la tua!