mercoledì 30 gennaio 2013

#MissingDubai



Sono le cinque del mattino di un pigro mercoledì di fine gennaio. Come ormai succede spesso, non riesco a dormire. Non ho una connessione decente da qualche ora perché quelli della Telecom hanno deciso che non me la merito. Hanno deciso che non è giusto che io possa cazzeggiare allegramente su internet ad una velocità decente. Hanno deciso che niente deve aiutarmi a passare queste ore di insonnia. 
Allora, in barba alle loro tirannie, ho messo su le cuffione da DJ (Che David Guetta #LevateProprio) e ho aperto un foglio bianco di word. Che mi prendesse un colpo se non lo facevo da un secolo. 
La verità è che ho perso le parole. Ho perso la concentrazione e, quando succede, non c’è potere che mi possa far battere le dita sulla tastiera. Ed è una sensazione di impotenza quasi dolorosa per una che delle chiacchiere ha fatto uno stile di vita.
Il foglio rimane bianco mentre in sottofondo le note dei brani random della mia libreria ITunes rompono il silenzio della notte. Ma solo nella mia testa… 
Il cursore lampeggia come se chiedesse ‘Cosa vuoi dire, Robi?’. 
Poi, come per incanto, lo screen saver del mio assonnato Sony Vaio mi ripropone una foto del mio ultimo viaggio e allora mi lascio coccolare dai ricordi piacevoli delle settimana più #SenzaPensieri della mia vita.
E allora ho deciso di raccontarvi di Dubai. Ma non della città, che è pazzesca, né delle persone o del cibo: per quello prendetevi una guida Lonley Planet. E andateci. 


Voglio raccontarvi della mia settimana lontana dal mio mondo. Lontana dalle mie abitudini. Lontana dalla mia storia in un luogo in cui la parola d’ ordine è futuro. 
Erano anni che non partivo con la mia famiglia, senza il mio ragazzo, con quella spensieratezza che ti fa essere piccola. Erano anni che non staccavo completamente con quella che sono. 
Quando, ad ottobre, mia mamma mi propose questa crociera negli Emirati Arabi Uniti ero scettica: credevo che questo tipo di vacanza non facesse per me. Io sono una che non può stare chiusa in un posto e il pensiero di non poter ‘scappare’ dalla nave un po’ mi soffocava. Però, diamine, mi sono detta che non mi sarebbe ricapitata tanto presto un’ occasione del genere. Un’ intera settimana con la mia famiglia, un’ intera settimana in cui non sono un’ adulta fatta e finita ma sono figlia, ragazzina… E per di più a Dubai!
Come fu e come non fu il quattro gennaio del venti13 ero comodamente seduta su un Charter della Costa Crociere diretta al porto di Dubai.




Atterrata, dopo un attimo di sconforto al pensiero di un’ intera settimana senza connessione 3G nell’ IPhone, ho cominciato a godermi il mio tempo. Il mio tempo senza orologio; senza sveglie puntate ad ogni ora del giorno e della notte; senza internet, e-mail e Facebook; senza il pensiero di dover chiamare nessuno; senza la voglia di farmi sentire ne di sentire nessuno al di fuori di quegli sconosciuti che erano in viaggio con me. 
Sconosciuti che in una settimana sono entrati a far parte della mia vita. 
‘Vedrai Robi’ diceva Madre ‘gli altri ragazzi sono tutti adorabili, vi troverete bene, tu e le tue sorelle’


E così è stato. 
Ho condiviso risate spensierate. 
Ho condiviso esperienze ilari, di quelle che ti fanno sorridere nel sonno ripensandoci.
Ho condiviso la visione di posti belli da togliere il fiato. 
Ho condiviso la conoscenza di una cultura che a noi sembra arretrata ma che, in realtà, sa che cosa vuol dire guardare al futuro e sa benissimo come arrivarci. 
Ho visto paesaggi futuristici immersi nell’ arido deserto. 
Ho visto il sole di un arancio sconvolgente (Che dovrebbero farci un Pantone) spegnersi nel cielo blu chiaro del deserto sul giallo ocra della sabbia. 
Ho mangiato in un’ oasi la carne arrostita da un beduino e sono salita su un cammello. 
Ho scotolato granelli di sabbia da posti in cui non si dovrebbero assolutamente scotolare granelli di sabbia.
Ho ballato sulle note avvolgenti della musica araba. E l’ ho fatto fino a perdere il fiato, fino a rilasciare l’ adrenalina, fino alle lacrime piante dalle risate.
Ho mangiato la pizza all’ una di notte accompagnata da una tisana alla melissa e ho fatto colazione con le uova. 
Ho visto il posto che io immagino come il paradiso: un centro commerciale da 1800 negozi; con tutte le catene di caffetterie e ristoranti più famose al mondo; con un enorme acquario con tanto di squali e una pista da sci. 
Ho finalmente capito la pubblicità della Costa in cui i protagonisti piangono come fontane al ritorno: questa è davvero la vacanza che ti manca. Su quella nave ti senti protetto e non costretto. Ti senti voluto bene. Tutti ti sorridono. Tutti ti coccolano. 
Ho vissuto senza pensieri di sorta. 
Una settimana fuori dal tempo e dallo spazio. Immersa nella mente vuota di chi può fare tutto perché ha la libertà di scegliere. In compagnia delle persone che amo di più al mondo, la mia famiglia, e di quelle che sono entrate di diritto in quella piccola cerchia che chiamiamo amici. 



E allora capite il perché del titolo #MissingDubai. Non per la città, non per il caldo, non per il cibo, non per i tramonti ma per il modo in cui stavo: bene. Come non succedeva da tempo. 

Robi









5 commenti:

  1. Che posti meravigliosi! Mi hai messo voglia di partire, subito!
    Ti auguro di ritrovare la tua serenità.
    Un bacio, cara.

    P.S.: ma quante sorelle siete?!?!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tre in tutto! E io sono la maggiore :D
      Robi

      Elimina
  2. Una settimana lontana dal mondo vero e con le persone più amate è un sogno!

    RispondiElimina
  3. mi sembra sia stato un viaggio rigenerante! dovrei pure io mi sa... mi fa piacere tu sia stata bene! un bacione

    RispondiElimina
  4. Mery Montalbano31 gennaio 2013 13:30

    L'importante è questo.. STARE BENE <3 . Un abbraccio, Mery.

    RispondiElimina

Dimmi la tua!