venerdì 27 settembre 2013

Un popolo di integralisti.

Chi ha delle idee che non coincidono con quelle della massa deve essere boicottato.
Chi la pensa in maniera diversa dalla maggioranza deve essere messo al rogo.
Chi sostiene lumi di pensiero diversi o cambia idea viene emarginato. 



Ovviamente il mio pensiero è nato in seguito alla vicenda Barilla, di cui tutti parlate. Gay che hanno detto no al carboidrato; lesbiche che hanno preso le Emiliane Barilla e le hanno lanciate dalla finestra, ferendo passanti e cagnolini; bisessuali che hanno attaccato il MulinoCheVorrei e hanno rapito la Gallina Rosita per farla arrosto... Insomma... Un putiferio.
Un putiferio di grida a suon di #Hashtag e Retweet, perché ormai la protesta si fa silenziosa sui social. L' immediata risposta delle altre marche di pasta che, pur sbattendosene allegramente le palle di con chi andate a letto, hanno subito colto lo spaghetto al volo lanciando contro campagne pubblicitarie con sponsorizzazione dell' amore in tutte le sue forme.
Ma cosa c'è di male nel voler fare solo pubblicità con la famiglia tradizionale che, per il signor Guido Barilla, è rappresentata da una mamma con la gonna a ruota uscita direttamente dagli anni '50; un papà che torna a casa allentandosi il nodo della cravatta e da una serie di marmocchi?
Allora anche noi donne dovremmo sentirci offese, rappresentate come casalinghe disperate pronte a soddisfare ogni desiderio del marito portatore sano unico di stipendio in famiglia. 
Io ho, per adesso, un' unico esempio di famiglia (il mio) e siamo ben lungi dall' esempio proposto nelle pubblicità Barilla eppure non mi sento offesa; non smetto di mangiare la pasta Barilla perché mia mamma lavora dodici ore al giorno e la sera va a divertirsi con mio papà e gli amici. 
Allora nemmeno io, che ho comunque un papà e una mamma e due sorelle, ho una famiglia tradizionale. 
E quelli che hanno un papà e una matrigna? Una mamma, un patrigno e due fratellastri? Anche quelle sono coppie formate da un uomo ed una donna ma, ditemi, cosa c'è di tradizionale? 
Quindi, stando ai fatti, forse nemmeno più i miei nonni dovrebbero mangiare la Pasta Barilla. 

Ed è qui che volevo arrivare. 
Al trascinamento delle masse. 
Al paladino della giustizia che c'è in ognuno di voi. 
Al giorno d' oggi dobbiamo spaventarci a dire la nostra. 
I gay non hanno bisogno di essere difesi perché non appariranno mai (che poi mai dire mai, solo gli stolti non cambiano mai idea) in una pubblicità del gruppo Barilla. Eventualmente devono cominciare a spaventarsi del futuro. Il futuro in cui passerà la moda del diritto ai gay. Il futuro in cui la massa penserà che altro sia giusto e dimenticherà i diritti che ha tanto difeso. Perché, continuando così, è a questo che arriveremo. 


La sapete una cosa? Io porto le Hogan. Ne ho di tutti i colori e forme perché sono le scarpe con cui sto più comoda in assoluto. Di quelle che mi hanno accompagnato dall' asfalto di New York alla sabbia del deserto di Dubai. Quelle che, a quanto pare, non piacciono a nessuno. Quelle dei link idioti su Facebook. Quelle che fanno schifo a tutti ma che rimangono le sneakers più vendute in Italia. 
E nell' I-pod ho pure un sacco di canzoni di Gigi d' Alessio che mi fanno tanto scuola media; che le canto a squarciagola quando mi capitano tra i brani casuali.
E allora? Adesso mi merito il rogo per questo?
E se vi dicessi che ho pure trovato interessanti alcune proposte di Mara Carfagna quando era ministro?

Io sinceramente sono sempre stata per la libertà di espressione e parola. Per tutti. Anche per quegli idioti patentati che dicono certe castronerie che per favore... Eppure io sono per il rispetto. Rispetto le idee di tutti coloro che rispettano le mie. Rispetto il pensiero, seppur diverso dal mio, di chi mi sta davanti.
La democrazia è questo.
La libertà è questo.
Il rispetto è avere le proprie idee, poterle esprimere liberamente, senza ledere la libertà altrui.
Imparatelo.

Poi, se volete mangiare la pasta DeCecco; Garofalo o Sant' Andrea, ben venga. Ma fatelo perché la Barilla non vi piace, non perché un uomo ha espresso un' idea che collide con la vostra.
Lasciamo le ripicche agli idioti.

Robi

 P.S.: No, il signor Barilla non mi ha pagato. E non mi ha mandato nemmeno una scorta di pasta Barilla a casa perché sono grassa. La vita con me è ingiusta fino alla fine.

9 commenti:

  1. Non posso che essere più d'accordo con te. Siamo arrivati al punto che uno non è libero di dire la sua se la sua va contro il giudizio di milioni di persone. Questo è il vero scandalo.

    RispondiElimina
  2. Robi for president of the world!!!

    RispondiElimina
  3. Anche io sono perfettamente d'accordo con te.
    Soprattutto perchè questa non è la vera democrazia. E se di democrazia e parità di diritti si parla, allora che si sia i primi a metterla in pratica.

    RispondiElimina
  4. Ma io non ho capito quale sia il problema. Le dichiarazioni non hanno scatenato il putiferio perchè i gay non verranno inseriti nelle pubblicità, ma per il modo - un po' stronzo, posso dirlo? e anche un po' strafottente - di dire che la famiglia tradizionale è meglio e che se gli altri non sono d'accordo possono comprare altre marche. D'accordo allora, Barilla è libero di fare le pubblicità che vuole (senza bisogno di svilire parte della popolazione peraltro sarebbe meglio) ed io sono libera di mangiare De Cecco o la pasta di gragnano. E no, non sono lesbica, ma detesto la strafottenza delle dichiarazioni quest'uomo.

    RispondiElimina
  5. Concordo. Se il mondo stesse a vedere tutte quelle cose, tutti quei discorsi, allora nessuno di noi dovrebbe più mangiare, bere, uscire di casa, comprare determinati prodotti.

    RispondiElimina
  6. Da gay condivido in toto ciò che hai scritto. Ho ascoltato bene le parole del signor Barilla e non c'era odio o disprezzo, ha esposto un suo pensiero da un punto di vista del marketing e poi, incalzato dal giornalista, ha esposto cosa pensa dei matrimoni ( su cui è anche d'accordo), con educazione. Ma alla comunità piace sentirsi al centro del mondo e continuare a sentirsi vittima di ogni cosa che possa spostare il riflettore su altro.

    RispondiElimina
  7. Infatti secondo me la stupidaggine è stata ritrattare dopo. Voglio dire:hai espresso il tuo pensiero? Eri convinto? Perché a 24 ore dal putiferio diramare un comunicato stampa in cui ritratti tutto e ti arrampichi sugli specchi?
    Se prendi una posizione poi devi avere le palle di portarla avanti.
    Poi il mio giudizio da aspirante "addetta stampa" è un'altra cosa: non avrebbe dovuto dire quello che ha detto o comunque avrebbe dovuto girare intorno alla domanda e usare parole diverse. Purtroppo al momento il clima è questo e devi aspettarti che certe esternazioni scatenino un inutile inferno.

    RispondiElimina
  8. Secondo me dovremmo indignarci e boicottare cose ben più gravi piuttosto che sulle dichiarazioni del signora Barilla rispetto alla alle idee che ha rispetto alla pubblicità della SUA azienda...

    RispondiElimina

Dimmi la tua!