giovedì 16 dicembre 2010

E' di moda quindi lo compro.


No! Non è così.
La mattina, quando posso, faccio un giro tra i vari blog di moda, sui siti di Vogue, Vanity Fair, Marie-Claire e via dicendo per farmi un' idea di quello che passa per le testoline di chi dice di capirne.
La cosa che, in primis, mi ha sconcertato è che esistono 18498297497593 blog di outifits. Basta googlare la stringa "fashion blog" che ti appaiono milioni e milioni di siti, di blog, di pagine piene zeppe di fotografie di questa o quella ragazzotta in posa plastica come l' ultima delle dive.
Penserete che seguirli tutti è impossibile e invece no. Visto uno, li hai visti tutti.
Se una un giorno indossa una mantella di cammello pettinato con il gel l' indomani, si si proprio il giorno dopo, le restanti milioni indosseranno una mantella di cammello pettinato.
E questo fenomeno fa si che le sedicenti adolescenti mono-neuroniche che le seguono assiduamente come fossero la loro Anna Wintour personale cerchino di copiarle in tutto e per tutto.
Quindi, ricapitolando, una si veste in un modo e scatta milioni di foto che pubblica su internet, il giorno dopo le restanti così definite fashion bloggers copiano il look, due giorni dopo orde di ragazzine avranno addosso la mantella di cammello pettinato con il gel.
E, premesso questo, arriviamo al succo della questione: se sei alta un metro e mezzo e larga altrettanto NON puoi indossare una mantella di cammello pettinato nonostante te la imponga la tua sedicente Fashion Blogger dicendoti che E' di moda.
Ognuna di noi ha un fisicità e delle caratteristiche morfologiche che ci differenziano dalle altre persone. Il fatto che tu, Giuseppe e Maria abbiate tutti la taglia 44 non vuol dire che un vestito vi cadrà addosso allo stesso modo.
E' altamente probabile che a Maria cada male dalle spalle perchè ha meno seno di te, è pensabile che a te venga stretto sui fianchi, è immaginabile che a Giuseppe.... beh spero di non dover vedere un Giuseppe con un vestito.
Il punto è che nel volersi uniformare alla massa non si perde soltanto di identità, del quale abbiamo già ampiamente dibattuto in questo post, ma si perde soprattutto di obbiettività. La frenetica corsa all' omologazione con questa o quella categoria (non credete che se siete alternativi e vi vestite di pelle e borchie non siete degli omologati, lo siete tanto quanto -se non di più, forti del fatto che non volete ammetterlo- di quelli che vestono alla moda, dei fighettini, dei rasta, dei punk e via discorrendo) ci fa dimenticare di guardarci allo specchio prima di mostrarci pubblicamente con addosso un paio di leggins di lattex rosso (che -a quanto pare- è il nuovo must) che evidenziano la cellulite anche a chi non ce l' ha.
Cara amica, se una cosa non ti sta bene, NON TI STA BENE E BASTA. E' arrivato il momento di accettare l' amara realtà.
Il fattore trucco e parrucco non è da tralasciarsi nella foga di copiare con rigorosità religiosa la nostra beniamina. E se oggi siamo tutte bionde slavate che nemmeno fossimo state partorite da un esercito di gestanti ucraine, domani tutte con il caschetto e i capelli nero corvino pur avendo la faccia a luna piena e la pelle bianco latte.
Rossetto rosso e matita nera per tutti. Borse Balenciaga a destra e a sinistra (per carità, bellissima, ma è mai possibile che piaccia a TUTTE?). Chincaglieria serra-polso e anelli su dita tozze. Smalto sbeccato e macchina fotografica iperprofessionale al collo anche se poi non sai nemmeno accenderla e il gioco è fatto.

Voglio precisare che la mia non era una critica finalizzata al fenomeno del Fashion Blogging. Ognuno di noi è libero di fare sfoggio di se e del proprio corpo come, dove e quando meglio crede, sia chiaro. Alcuni dei blog sopra citati sono anche fatti con gusto, con quel tocco di finezza che piacerebbe scorgere di più negli altri.
Il mio -invece- è un appello ad uno sguardo critico da parte di ognuno di noi allo specchio. Dobbiamo ammettere a noi stesse che ci sono capi, make-up, scarpe, trucco che possono sposarsi con la nostra carnagione e con la nostra fisicità e outfits che -pur stando bene addosso alla nostra amatissima fashion blogger o a questa o quella modella- a noi cadono come il formaggio sul cioccolato. Da vomito, insomma.

Fashionbloggeratamente vostra, R.
La canzone che vi lascio oggi è questa. Ahhh come sto diventando romantica :D

17 commenti:

  1. l'ho letto tutto e ti giuro stavo crepando dal ridere ! hai assolutamente ragione in tutto e per tutto !! bisogna avere un minimo di personalità nella vita!
    inizio a seguirti perchè mi fai morire !
    una bacio Francesca una "fashonblogger " che la pensa troppo come te !!

    RispondiElimina
  2. Grazie mille Francesca e tanti complimenti per la tua collezione :D
    L' ho votata e la trovo adorabile: mi piace la linea semplice e lineare dei vestiti che proponi e i colori autunnali ma caldi che hai scelto sono favolosi :D
    Davvero complimenti...
    R.

    RispondiElimina
  3. Concordo pienamente! Anche su Alessandra! :)

    RispondiElimina
  4. Un bel 10+ a questo post davvero eccezionale :D
    Hai perfettamente ragione mia cara :)Ormai le ragazze sembrano avere delle divise, non degli abiti. Tutte con le Hogan, tutte con la Louis Vuitton ecc ecc ... tutte seguono la moda perchè va di moda, la verità è che sono in tante a non avere una vera personalità u.u

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con te.I blog di moda sono il riflesso di una società omologata e senza identità. Per carità...amo la moda,lavoro in questo campo,leggo alcuni blog e addirittura ne ho uno(!).Ma quello che succede è che spesso le persone confondono il concetto economico di moda applicando letteralmente alla loro vita.In economia moda significa imitazione, ma le persone non si ricordano(o non lo sanno) che nel "nostro dizionario",nel dizionario del vestire,dove viviamo la moda nella pratica questa significa "buon senso".
    Ottima analisi la tua:logica e diretta

    RispondiElimina
  6. sante parole...credo che in questo mondo, quello delle così dette fashio blogger, si cada spesso in molti errori, sia da parte di chi fa il blog, sai da chi li legge.
    ieri per esempio sono rimasta un pò sconcertata...una nota blogger, ha postato il solito post con l'ennesimo nuovo outfit...e nell'inserire il nome dei capi indossati ha messo il link al sito dove credo abbia acquistato il vestito che indossava(e voglio sottolineare che lo ha fatto solo per il vestito)...a che pro mi domando fare vedere a tutti che il capo indossato costa 856 euro?

    quattro sono le possibilità:
    1) forse un atto di generosità nell'indicarci dove è possibile comprare quell'economico vestito?
    2)forse le è stato regalato e voleva fare pubblicità al sito (ne dubito perchè di solito se è un regalo lo indica sempre)
    3) volevo farci gentilmente "addannare" (e tu che sei sicula mi capirai) perchè il 90% di noi non può certo spendere 800 euro per un abito
    4) il suddetto vestito è ora scontato e costa solo 540 euro

    non so io ancora non so scegliere la risposta giusta, e voi?

    cmq anche io adoro Alessandra di Little snob thingh...la semplicità premia e sempre, e soprattutto un solo blog di outfit ma senza contenuti non mi piace per niente...soprattutto se di capi costossimi...che giovamento ne ho nel vedere come si veste un'altra?

    Alessandra invece lascia sempre dei bei post, lascia sempre qualcosa di se.

    RispondiElimina
  7. @Diky grazie per il commento :D
    Lo so è tanto caruccia Alessandra, ma non è la sola :D

    @ @nnarit@ Grazie mille per il 10+, sono arrossita :D
    Sono convinta che la personalità, molte persone ce l' abbiano solo che si spaventano a farla uscire fuori per insicurezza purtroppo...

    @Nayra Laise Grazie davvero per il commento positivo, molto apprezzato :D
    Sono convinta che anche in economia si possa essere eleganti, fini e sopratutto differenti adeguando a se stesse ed alla propria persona il capi che meglio ci stanno.
    Non sono i soldi che fanno l' eleganza anche se come hai ben detto fanno l' alta moda :D


    @The colours of my closet innanzitutto grazie per il commento.
    Forse ho intuito di quale blogger parli e ammetto che quando l' ho scoperta (piu o meno sei mesi fa) era molto differente, mi piaceva pure, era spontanea, nuova.
    Adesso è una continua ostentazione dei regali ottenuti tramite la fama e sinceramente la trovo pedante e scontata. Peccato perchè di è bruciata con le sue stesse mani perdendo di umiltà..
    Per la cronaca quel vestito (se davvero si può chiamare tale) è osceno. Punto :D

    Un bacione a tutte e grazie ancora per aver lasciato il vostro segno.
    R. :D

    RispondiElimina
  8. ps: sbaglio ho sei di catania? se si, potremo andare a fare shopping insieme qualche volta, se ti va.
    kiss

    RispondiElimina
  9. Pazzesca, quando ho visto su "Elle" che snobbavi la paccottiglia della biondina ho capito subito di che pasta fossi fatta !

    Ti seguo, Suze.
    unamandriadicivette.blogspot.com

    (sono tutto tranne una fashion blogger, anche se ho appena speso tutti i miei risparmi per comprarmi una MiuMiu, quindi volendo sono anche peggio di loro.)

    RispondiElimina
  10. Oh Suze... non è una MiuMiu che ci rende una fashion blogger (cosa che la bionda in primis non ha capito) :D
    Che poi chi sarà mai 'sto fashion blogger...?
    Io pure romperò presto il salvadanaio :D
    Sono indecisa tra la Alexa di Mulberry e la Marcello di Cartier... se potessi le comprerei tutte e in tutti i colori <3
    R.

    RispondiElimina
  11. E' un blog, che si chiama Elle :D
    C' era un post sui gioielli presentati dalla Ferragni un paio di giorni fa e io ho semplicemente detto che era un ammasso di paccottiglia :D
    Nulla di che....
    R.

    RispondiElimina
  12. sono capitata per caso sul tuo blog e grazie a questo post mi sei diventata subito simpatica! concordo pienamente!

    RispondiElimina
  13. non conoscevo little snob thing, mi piace un sacco! mi ricorda tanto quelle lady che fotografa Garance Doré, mi piace anche il fatto che non sia la solita ragazzetta

    RispondiElimina
  14. ho appena scoperto il tuo blog grazie a un'amica che me l'ha suggerito su facebook e mi è piaciuto molto questo tuo post! Anche io non capisco perchè tutte si mettano i leggings che stanno bene a poche, o tante altri capi o colori senza porsi prima il problema di cosa dona a ciascun fisico. Se ti va dai un'occhiata al mio blog che parla proprio di questo! E non è un blog di outfit!! =)

    RispondiElimina

Dimmi la tua!