martedì 13 marzo 2012

E mettitela 'sta gonna, su...

Mettetevi comodi.
Molto probabilmente il post sarà lungo. Magari no.
Il concetto è semplice.




Un paio di settimane fa ho partecipato alla festa di compleanno per i diciotto anni di mio cugino. Inutile dirvi che non ho più l' età per certe cose. Che mi piace che il piatto me lo servano al tavolo mentre io mi godo un bel bicchiere di vino ghiacciato. Che, è vero ho ballato tutta la notte sul tacco sedici, ma che l' indomani sembravo la brutta copia della me stessa a centodue anni. Inutile dirvi che 'sto post dovevo e volevo scriverlo subito ma, con la testa che mi ritrovo, il concetto di 'subito' è davvero relativo.

Quello che mi ha colpito di più mentre analizzavo il microstistema dei teen ager di oggi (Dio, quanto so' vecchia) è quanto si siano accorciate le gonne nel giro di soli sei anni. Dalla mia festa per i diciotto anni sono passati poco meno di sei anni e, tra le future donne di ieri e quelle che ho visto oggi, la differenza è abissale.
Sopratutto in fatto di orli.
Le ragazzine di oggi escono di casa praticamente senza la gonna. L' orlo del suddetto capo si è accorciato così tanto che, più che un vestito, si tratta di una maglia tirata sui fianchi.

Non hanno più nulla da mostrare. E' tutto la, in bella vista, sotto gli occhi di adolescenti allupati che soddisfano il loro desideri spinti dall' ormone e le cambiano come fossero calze.
Non c'è più la voglia del corteggiamento da parte dell' uomo perché non c'è più nulla da scoprire. Le ragazze di oggi sono selvagge, scatenate. Non sanno cosa vuol dire essere sensuali con uno sguardo; non sanno cosa significa conquistare con una parola. Si cibano di argomenti civettuoli e usano come unica arma di convincimento il corpo.
Corpi di bambine. Perché di questo si tratta.
E' assurdo pensare che ci divida solo una generazione.
Ma noi, eravamo così?
Lo chiedo alle mie coetanee. E a quelle più grandi di me.
Avevamo bisogno di tutto questo ombretto nero sugli occhi? Di questa pelle bucata, qui e li? Di queste gonne così corte? Di questi tacchi così vertiginosamente alti? Di foto osè che sembrano quasi ridicoli? Di computer per comunicare?



Attenzione, io, negli anni dell' adolescenza, sono stata tutt' altro che una suora. Avevo il mio giro d' amicizie. Andavo in discoteca. Usavo i tacchi e mettevo la gonna. Uscivo, uscivo e mi divertivo. Ma quando andavo in discoteca non avevo bisogno di ridurmi uno straccio che se lo strizzi esce vodka per affermare di aver passato una bella serata. Tornavo alle cinque di mattina ma perfettamente lucida. Ero assolutamente in grado di dirti il mio nome! Non avevo bisogno di avere il culo di fuori per far si che i maschi mi guardassero. Sono stata corteggiata. Sono stata voluta per quello che ero. Ho avuto le mie delusioni d' amore
Sono stata con un ragazzino, mio coetaneo, per quasi due anni e mi ricordo di quel periodo come qualcosa di semplice; di pulito; di educato e rispettoso nei confronti di un sentimento importante quale l' amore.
Perché, anche se è vero che è finita, ed è finita in maniera rancorosa, sarà comunque una parte importante della mia crescita. Le ragazze di oggi, tutto questo, se lo stanno perdendo.
E non può che dispiacermi per loro.

Da quella festa sono andati via ubriachi. Le ragazze barcollavano su quei tacchi vertiginosi e i ragazzi, come è consueto, allungavano le mani. M'è venuto il rigetto. E non datemi della bigotta, perché non ci credo che siete d' accordo con questo degrado.

Mettevi la gonna. Ricordate che i leggins non sono pantaloni e che i collant lo sono ancora meno. Pulitevi gli occhi e levate tutte quelle bocche a culo di gallina che avete su Facebook. Imparate dalle vecchiette di ventitré anni come me. Che, credetemi, quando avevo 17 anni io, si stava bene.
Si era semplici e si stava bene.

Robi



22 commenti:

  1. Sarò bigotta come te forse, ma sottolineo e sottoscrivo in pieno!

    RispondiElimina
  2. Ti prego.... stampa questo post su più cartelloni pubblicitari possibili, ti aiuto io se vuoi!
    Mannaia.

    Mi sento una nonna a 21 anni, io non andavo in giro così..mai andata in giro così.
    Si truccata, si con i tacchi...ma non uscivo con le mutande.

    Che nervi.

    RispondiElimina
  3. No, noi non eravamo così, te lo posso assicurare!
    Abbiamo passato un'adolescenza molto simile io e te, anche perchè abbiamo la stessa età, e per forza di cose mi trovo davanti agli occhi il tuo stesso scenario ogni volta che esco di casa. Mi fa tanta tristezza!
    Spero che qualcuna di loro rinsavisca prima di buttarsi via definitivamente...

    RispondiElimina
  4. bellissimo post! io che a gennaio di anni ne ho fatti 35 e ancora non smetto di uscire, ridere e fare la cretina in giro con i miei amici trovo come te che sia abbastanza avvilente l'immagine che le ragazzine danno della figura femminile! Non si rendono conto di essere ridicole con quei culi di fuori e con quei kg di trucco addosso? Mi piacerebbe dire a tutte loro di non aver fretta di crescere perchè ogni età è bella vissuta nel modo giusto, bruciare le tappe facendo le "donne" a 18 anni mi fa sorridere....

    RispondiElimina
  5. Sono pienamente d'accordo, anche se dai miei 18 ne sono passati solo 4 di anni... "I leggings non sono pantaloni": ti amo. E sottoscrivo.

    RispondiElimina
  6. Io ti amo. Anzi, ti lovvo per dirla alla teen!
    Con 10 anni di più, posso dirti che condivido approvo e sottoscrivo tutto quello che hai scritto.
    Sono stata ad una pizzata (E QUINDI PARLIAMO DI UN RISTORANTE, non discoteca!!!) dove c'erano ai nostri lati due compagnie di ragazzi di 15/18anni. E ho avuto la stessa impressione. (a parte il sentirmi vecchia.....evabbbè) ma sembra che questo post l'abbia scritto io. (confessa, eri a quella pizzata con me?!)
    In giro "senza" gonne. A bere come matti la qualunque. A fare cori da stadio e a vomitare l'anima...
    ho imparato il loro coretto (dalle mille vote che se lo sono cantati): BEVO, BEVO, BEVO BEVO, MI UBRIACO E SONO FELICE ANCHE SE POI VOMITO!

    breve conciso e reale!

    non so se c'è da compatirli o da mettersi le mani nei capelli!!!!

    RispondiElimina
  7. Bisogna ricordare a tutte (non solo le adolescenti, ma anche a qualche signora più attempata) che i 'pantacollant' non sono 'pantaloni'. So che può essere dura capire la differenza, ma con un po' di applicazione ce la possono fare tutti!
    Per quanto riguarda la lunghezza (o meglio, la 'cortezza') delle gonne, ebbene, è un processo inarrestabile, come l'entropia! Dal medioevo ad oggi le gonne si sono progressivamente accorciate. Con buona approssimazione scientifica, quando le suddette coincideranno con i reggiseni, dovrebbe verificarsi un fenomeno involutivo che le porterà di nuovo a lunghezze ottocentesche. Io conto sull'involuzione per le mie future figlie. Altrimenti esiste sempre la mazza. Da dare in testa!

    RispondiElimina
  8. scena: ero su una nave. arrivano di corsa ste due gallettine, a modo loro truccate a festa per essersi messe un ombretto ed un rossetto rosso...lo stesso per entrambe, ed ad entrambe stava male. Una di queste aveva una gonna cortissima, delle calze nere ma di pochi denari, e delle scarpe sui 16 cm che ovviamente sembravano di cemento ai suoi piedi... oscena da vedere.... ma non vi dico i fischi dei ragazzi, suppongo ultrà, che erano li... e lei era tutta priata ( non trovo termini che rendano meglio)

    RispondiElimina
  9. Ahahahah Robi io ti amo!!! No,noi non eravamo così...quando avevo 17 anni i tacchi non sapevo nemmeno cosa fossero,andavo a ballare con la GONNA,calze colorate e all star,very easy...si doveva fare il più casino possibile in comodità :D

    RispondiElimina
  10. Io di anni ne ho qualcuno più di te e sono assolutamente d'accordo con ogni singola parola che hai scritto. Hai ragione, si perdono molte cose, tutto accade così in fretta, bruciano le tappe vantandosene e non gustando gli attimi che la vita gli regala. E tutto ciò mi rattrista...perchè non c'è più il palpitare del cuore in attesa di un messaggio o di un invito ad uscire, non ci sono più le ore al telefono con l'amica per ipotizzare se gli piaccio oppure no. Vivono nella logica del "mi piace, me lo prendo" e a me sembra tutto così vuoto. Paradossalmente quando esco e mi imbatto in queste ragazzine...mi sento io una ragazzina con i jeans e scarpe basse e loro le trentenni di turno con questi tacchi altissimi, trucchi accesi e fare da donne vissute.

    RispondiElimina
  11. Condivido con te in pieno questo post!! anch'io appartengo alla tua generazione, le cose sono cambiate in fretta e noi sembriamo vecchie a fare questi discorsi, ma putroppo è così!!!

    RispondiElimina
  12. Eh già, c'è quasi paura a pensare di avere dei figli per farne dei diversi o per vederli conciati così!! Al mio 18 esimo (10 anni fa sigh) usava ancora il lungo, figurati un po'! E poi ci si faceva fare un bel vestito, che costava un po', e che comunque era cercato con cura, non la prima maglia lunga comprata a 10 euro con le scarpe con gli strass. Non hai idea poi di come vanno vestite ai matrimoni!!

    PS: quoto in piano "i leggings non sono pantaloni"

    RispondiElimina
  13. io dovrei essere la bis nonna (ho 38 anni) a leggere questo post e i commenti! ;))
    però se tu sei schifata per l'andazzo generale figurati io, con una figlia appena adolescente (13 anni), con l'ansia pompata a mille per quello che sarà.
    ti dico che condivido ogni parola.
    queste ragazze si perdono il sogno, i piccoli gesti di avvicinamento, le emozioni piene di attese, i sospiri.
    dimmi che hai visto qualcuno diverso, dammi uno spiraglio, un'uscita di sicurezza, da mamma con il cuore di adolescente che ero... ;)

    RispondiElimina
  14. Ehm... io ho l'età di Trilly e posso assicurare che le tipe conciate così ai miei tempi non avevano una bella reputazione!
    Andrò controcorrente ma io la colpa non la do a loro, ste tipe prima di uscire di casa le vedranno i genitori no? O tutte si vestono e si truccano nei bagni pubblici o a casa delle amiche? Credo che ci sia troppo permissivismo e a furia di non far sentire le figlie "diverse" dalle altre ragazze gli si concede di tutto, anche il troppo. Una ragazzina che conosco molto bene appena iniziò il primo liceo venne isolata dal resto delle sue compagne di classe perchè non vestiva e si truccava come loro. Per fortuna le è passata ma ha seriamente rischiato un esaurimento e per poco non ha deciso di lasciare la scuola.
    Boh, starò invecchiando ma io le manderei a zappare i campi!

    RispondiElimina
  15. io ho 2 anni e ai miei tempi (o a quelli di mia sorella che ne ha 23) le ragazze agghindate così avevano nel paese e fra i coetanei una brutta reputazione...ora fra gli adolescenti sembra che sia il modella che va per la maggiore...sarò bigottissima ma sottoscrivo quanto hai detto

    RispondiElimina
  16. guarda io ho 26 anni e sinceramente non c'è cosa che mi faccia più schifo degli adolescenti o semi adolescenti che si agghindano... sono terrificanti, le ragazze escono coi leggins al posto dei pantaloni, i maschi alcune volte sembrano più femmine delle femmine, i pantaloni sotto il culo e tutte le mutande fuori.. dai sono ridicoli! in branco sono anche peggio, mi fanno un po' pena in tutta sincerità!

    RispondiElimina
  17. No, Robi, noi non eravamo così. Ho 26 anni e ti assicuro che ancora adesso, forse per pudore, se l'orlo della gonna è troppo corto (e per corto non intendo inesistente) io non la compro. Mi sento troppo passeggiatrice, è brutto da dire, ma è così. Io mi domando: perché? Perché siamo arrivati a questo? Perché la nuova generazione ha bisogno di svendersi in questo modo? Credo e mi auguro che superata la soglia dei 20-22 anni si guarderanno indietro e capiranno di aver commesso molti sbagli...perché è vero che la vita va vissuta con frivolezza, ma è anche vero che a tutto c'è un limite, soprattutto al cattivo gusto e al poco rispetto per se stessi.

    RispondiElimina
  18. Io non ho nemmeno vent'anni eppure vedo la differenza con le ragazze che hanno 3-4 anni meno di me... E sottoscrivo in pieno quello che hai detto!

    RispondiElimina
  19. ho una cugina diciannovenne, io ne 26. io sembro più giovane di lei, si trucca tantissimo e si veste...beh, come dici tu. lei aggiunge reggiseni così imbottiti che fosse si vede che non sono vere a km, come lei fanno le sue amiche, che vedo in giro quando esco. non so a cosa ambiscano così vestite...

    RispondiElimina
  20. io vengo dalla generazione dove le ragazze portavano i jeans a vita alta e i perizomi si usavano solo in brasile (sono passati 12anni maremma mmmmhh....) quindi non faccio testo, comunque come darti torto, si é arrivati al consumismo delle emozioni e sotto a chi tocca, pazienza me ne sono fatto una ragione..e poi sono troppo intento a cercare di capire cosa sono i bimbiminkia, da quale falla o faglia si sono generati? Usano la mitosi o la meiosi?

    RispondiElimina

Dimmi la tua!