lunedì 12 marzo 2012

Metti da parte i pregiudizi, prenditi meno sul serio.


Il post che segue è su Federico Moccia. Lettore, io te lo dico subito, perché voglio che tu metta in pratica il consiglio che ti do nel titolo: metti da parte il pregiudizio e...  
Mi è capitato tra le mani, mentre ero al supermercato con la mia amica Susanna al reparto libreria in cerca del libro sulla Dieta Dunkan, l' ultimo romanzo di Federico Moccia. Il titolo del libro è 'L' uomo che non voleva amare' ed è la fatica letteraria che sancisce il suo debutto nei romanzi adulti. Era in offerta a nove euro e siccome io divoro libri, ho deciso di dargli una possibilità. Non so cosa mi sia passato per la testa né, di preciso, cosa mi abbia convinto a comprarlo ma fatto sta che è tornato a casa con me, insieme agli ingredienti per la crostata alla Nutella e due nuovi smalti Maybelline per i piedi. Io, solitamente, cerco di evitare i collant come si evita la suocera e così, dato che la bella stagione è alle porte è arrivato il momento di piedini allegri e colorati. Ma questa è un' altra storia. Torniamo al punto. Torniamo a Federico Moccia.
Ho iniziato il romanzo la sera stessa e già dalle prime pagine, in cui mi sono lasciata guidare dalle precise e romantiche descrizioni dei protagonisti, l' ho adorato. La musica classica che accompagna la passione di Sofia, la protagonista femminile e la ricchezza sfrontata di Tancredi, il protagonista maschile, si sono mischiati in un intreccio delicato sulle note di vecchie ferite. La storia di passione s'è consumata in un fiume di parole che descrivono al meglio quegli attimi di sesso a volte dolce, a volte sfacciato.
Se mi fossi lasciata ingannare dalla sua storia letteraria, molto probabilmente avrei ripiegato su qualcos' altro, perdendomi così un romanzo ben scritto; piacevole; scorrevole; rilassante. 
Molte volte m'è capitato di sentirmi dire che la musica della playlist del mio I-pod fa schifo perché c'è anche Tiziano Ferro o Alessandra Amoroso. 'Ma dai, come puoi ascoltare quelli di Amici?' mi hanno chiesto. Eppure la canzone che Noemi ha portato a Sanremo è stupenda ed anche lei esce da un reality!
E' successo che io stessa non assaggiassi una bibita o una pietanza perché convinta non mi piacessero e se quella sera a Panarea, in riva al mare, sorseggiando un Martini, non avessi preso un cappero di Panarea non avrei mai saputo quanto buoni fossero nonostante io odi i capperi.
Io detestavo la voce di Giusy Ferreri ma dopo aver ascoltato il CD che contiene brani come 'Noi brave ragazze' o 'Il mare immenso' ho realizzato quante belle canzoni mi stessi perdendo per colpa di stupidi e vecchi pregiudizi!
Questa, la canzone dedicata a questo post. Scoperta per caso....


Il mio post è solo un incitamento a tutti a prendersi un po' meno sul serio; a dare una possibilità a noi stessi. Perché solo provando nuove cose e riscoprendo quelli che ci avevano deluso potremo ampliare i nostri limiti. E cosa c'è di più bello di scoprire che possiamo fare un passo in più, che abbiamo fatto un passo in più?

Mocciamente Vostra, Robi. 



A proposito di romanzi, lo sapete che manca davvero poco alla fine di 45 giorni a Vogue? Oggi pomeriggio, mentre rivedevo il prossimo capitolo, mi sono resa conto che siamo agli sgoccioli. Devo ammettere che mi sono commossa. La storia può piacere come no; il mio modo di scrivere può piacere come no; ma rimane la mia piccola creatura. La prima RobiFiction, nata quasi per caso, dopo uno strano sogno in cui il figlio di Franca Sozzani bussava alla porta della mia casa milanese e... beh, chi segue 45GAV sa come mi sono immaginata che continuasse! Grazie mille a tutti voi che avete seguito, puntata dopo puntata, questa storia; grazie per i vostri commenti e per il vostro supporto; grazie mille anche a chi non ha mai commentato ma che mi ha fatto sapere che apprezza.... Grazie.
Ah, dicono che presto qualcuno si sposa e che Filippa indosserà Armani....
P.S. Quanti siete a leggere 45GAV? Fatevi vedere, su, non siate timidoni.

10 commenti:

  1. C'è bisogno che ti dica che leggo 45gav? Ahahaha, e poi io come faccio eh eh eh? Penserai anche a me vero??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevamo che prima o poi sarebbe finita :(
      Robi

      Elimina
  2. io lo leggo.
    e ho letto questo post e mi hai fatto riflettere a quanta bellezza perdiamo per dei pregiudizi...
    ad esempio quel libro di Moccia non l'avrei mai preso in considerazione proprio perchè ho un blocco derivante dal fatto che l'ho trovato un autore per filmetti per ragazzi e libri per sciocchine liceali. ma vedi quanto pregiudizio c'è in quest'ultima frase.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero un romanzo piacevole! Merita di essere letto... Anche io me lo sarei persa se avessi dato retta ai pregiudizi. Perfino la commessa alla cassa m' ha guardato con sdegno quando ha passato il libro sul lettore ottico non sapendo che per questo suo atteggiamento si perderà una lettura decente!
      Robi

      Elimina
  3. nooo non mi dire che finisce 45GAV! Mi mancherà troppo!

    RispondiElimina
  4. 45GAV è agli sgoccioli? NOOOOOOO! :o(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo li, li, per finire! Mancheranno, più o meno, cinque o sei capitoli!
      Un po' mi spiace lasciare andare questi personaggi, mi ero affezionata!
      Robi

      Elimina
  5. Lettrice accanita!!!

    Beh quando finisce poi mi aspetto la continuazione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece di 45 giorni a Vogue lo facciamo diventare 45 anni a Vogue :P
      Robi

      Elimina

Dimmi la tua!